Outlander 1×11 – The Devil’s Mark [Recensione]

15607_859654764093734_5331968530489787668_n

Come descrivere l’episodio in una parola? Semplicemente WOW (se può essere considerata una parola). Molti potranno concordare che questo è stata fino ad ora l’episodio più bello di questa prima stagione di Outlander, non è passato un attimo senza che accadesse un colpo di scena. E che colpi di scena.

La scena si riapre su Claire e Geillis imprigionate dopo essere state arrestate con l’accusa di stregoneria, d’altronde, come abbiamo visto non poteva esserci pretesto migliore per imprigionare queste due donne all’epoca.

Il processo è praticamente già stato predisposto, con vari testimoni chiamati ad accusarle, quando [Thank God] Ned Gowan giunge per far loro da avvocato. Se non fosse stato per lui Claire sarebbe finita al rogo molto presto date le sue reazioni alle accuse (ovviamente è comprensibile, chi riuscirebbe a mantenere la calma in una situazione del genere?).

Ad ogni modo, ascoltando delle testimonianze degli accusatori non può che venirci un certo nervoso, per quanto assurde siano certe affermazioni, perfino Geillis e Claire si scambiano sguardi abbastanza eloquenti.

Per quanto però i discorsi su pozioni d’amore e changeling sarebbero capaci di irritare anche un saggio zen, il livello di massimo squallore viene raggiunto quando Laoghaire si presenta in tribunale. Riporto le mie testuali parole pronunciate nel momento in cui la ragazza ha aperto bocca: “ASINA.” E’ assurdo il modo in cui è riuscita a stravolgere gli eventi per far apparire Claire colpevole. Capisco il fatto che la folla che la incoraggia fosse completamente normale per l’epoca, ma come si suol dire… sale il crimine. E’ semplicemente raccapricciante il modo in cui l’ignoranza di quelle persone veniva sfruttata. Poi il solo pensiero di quante donne in quegli anni hanno subito questo genere di processi e uccisioni, se non di peggio, fa rabbrividire.Schermata 2015-04-20 alle 23.01.55

Altro personaggio squallido, ma non ai livelli di Laoghaire, è padre Bain, che vuole a tutti i costi liberarsi di Claire perché ce l’ha ancora con lei per il fatto che lei fosse riuscita a guarire un ragazzo con delle cure mediche, mentre lui non ci era riuscito con il suo esorcismo. Gli unici che hanno bisogno di un esorcismo qui siete TU e LAOGHAIRE.

 

L’unica cosa che devi fare è ballare sui carboni ardenti. GUARDIE.

Andando avanti, purtroppo, la situazione non fa altro che peggiorare, fino al momento in cui Claire viene messa davanti ad una scelta che la porterebbe a salvare almeno se stessa, dato che per Geillis non ci sono più speranze. Qualcuno si aspettava davvero che Claire l’avrebbe davvero mandata al rogo? Sarebbe stato terribilmente da Claire arrivare a farsi mettere al rogo pur di non tradire l’amica, lei è più il tipo da “o tutte, o nessuna.”

[A quanto pare sto per andare ad un fottuto barbeque]

Stupenda fino alla fine.

La mancata dichiarazione di Claire contro Geillis fa scoppiare il finimondo: Ned spara un colpo di pistola, la folla impazzisce e nel frattempo la prima viene presa e frustata, il degenero insomma.

Quand’ecco che, finalmente, in mezzo al delirio, compare una luce, il nostro faro nello notte, l’uomo dal tempismo perfetto: Jamie. Dalla sua comparsa in avanti assistiamo alla decisiva svolta nell’episodio. Nel giro di pochissimo non solo capiamo che anche Geillis in realtà viene dal futuro, ovvero dal 1968 (wow è ancora più giovane di Claire), ma la vediamo anche confessare di essere una strega e di portare in grembo il figlio di Satana, per far sì che tutti concentrino la loro attenzione e la loro ira su di lei, e Jamie e Claire possano scappare.

L’interpretazione di Lotte Verbeek (aka Geillis Duncan) è stata meravigliosa, piange davvero il cuore al pensiero che non la rivedremo più in questo telefilm, purtroppo però sappiamo tutti benissimo che non sarebbe stato possibile salvare entrambe. Geillis mette in piedi una messa in scena spettacolare per convincere tutti che è lei la vera strega, se non conoscessimo il piano e gli avvenimenti che stanno dietro a questa decisione, potremmo effettivamente pensare che avesse davvero avuto a che fare con la magia (dopotutto ci troviamo in un telefilm in cui è presente un cerchio di pietre che ti permette di viaggiare nel tempo…). Nonostante l’intera situazione, rimane forte e piena di dignità anche nel momento in cui comincia ad andare verso la morte, non cede e non crolla fino alla fine, anche se è consapevole che la sua morte porterà solo infamia sul suo nome e che l’unico ricordo che quella gente conserverà di lei, se lo conserverà, fatta eccezione per Jamie e Claire, sarà quello di essere stata una strega pazza che doveva essere messa al rogo. Non ha nessun ripensamento, perché lei ormai è condannata da tempo, ma Claire ha una possibilità di salvarsi e vale la pena fare di tutto per darle l’occasione di sfruttarla. Claire, colei che dopo tutto era molto più simile a Geillis di quanto avrebbe mai potuto immaginare fino a quel momento; forse è anche per questo motivo, rimasto nascosto fino alla fine, che le due avevano un rapporto di amicizia e un’intesa così particolare.

Subito dopo l’uccisione di Geillis *sigh* assistiamo ad un altro dei punti cruciali dell’episodio: Claire si lascia andare e racconta al marito la sua vera storia. Durante il suo racconto la faccia di Jamie non ha prezzo, da un lato è confuso, ma dall’altro è come se molte cose si ricollegassero e finalmente avessero un senso. Certo però che dopo una confessione del genere, vorrei vedere quanti avrebbero detto “Ti credo” con la stessa fiducia e la stessa sicurezza di Jamie nei confronti di Claire, ma tutti noi sappiamo che i geni di costui contengono una spropositata dose di perfezione, quindi ovviamente lui le crede.

Lo sguardo pieno d’amore che ha verso Claire dice già tutto. Mi sciolgo.

 

[ -Mi credi davvero? -Sì.]

Comunque, come se per un solo episodio il nostro cuore non avesse subito già abbastanza colpi, ecco qui l’ennesimo colpo di scena, ovvero Jamie che riaccompagna Claire al cerchio di pietre perché possa tornare a casa da suo marito. La ama così tanto da lasciarla libera e per farlo deve cercare di convincere se stesso che questa sia la scelta migliore per lei.

[Non c’è niente da questa parte per te, niente.]

Mentre Jamie pronuncia queste parole, sentiamo Claire che dentro di sé sta praticamente urlando: “Ci sei tu Jamie, non mi serve nient’altro”, eppure non riesce ancora a dirlo ad alta voce, perché ancora non l’ha completamente realizzato. Questione di tempo.

Jamie se ne va, senza nemmeno voltarsi indietro, non riesce nemmeno a dirle addio, è troppo per lui, sa che se dovesse voltarsi non potrebbe trattenersi dal correre verso di lei, così procede dritto verso il campo.

E questo, finalmente, è il momento della verità.

Dopo vari tentativi falliti, Claire ha l’occasione di tornare da Frank e tornare a vivere la sua vita di sempre, eppure sa benissimo che non è vero che da questa parte non c’è nulla per lei, ed ogni secondo passa, ogni sguardo che posa sull’anello del suo matrimonio con Jamie, la convincono sempre di più che l’unica persona di cui ha davvero bisogno, è Jamie Fraser e così, alla fine, sceglie lui. 

A questo punto è chiaro che le carte in tavola sono completamente ribaltate. Claire non è più la moglie di Jamie Fraser solamente per il fatto che aveva bisogno di trovare un modo per difendersi da Jack Randall, ma lo è perché ha scelto di esserlo, ha scelto di rimanere lì e di tornare a casa, a Lallybroch, insieme a lui.

La sorpresa nello sguardo di Jamie, quando realizza che lei è tornata da lui, che la loro relazione è a un punto di svolta perché lei lo ha scelto, parla da sé, è indescrivibile. Così come la disperazione, il desiderio, il sollievo che trasudano dall’ultimo bacio che si scambiano durante l’episodio, lasciano senza parole. Sperava che lei sarebbe tornata da lui? Sicuramente nel suo cuore sì. Se lo aspettava? A giudicare dalla sua faccia quando la vede, no, probabilmente la sua mente glielo impediva. Mi si scioglie il cuore. Aiuto.

P.S. Laoghaire, dov’è il tuo ballo adesso?

Lallybroch preparati, il Laird sta per tornare.

 Grazie a Sassenach.Je suis prest. – OutlanderSam Heughan Italian FansOutlander Italia

Precedente 12 cose che [forse] non sapevate su Harry Potter Successivo Outlander 1×11 – The Devil's Mark [Review Eng]